COPERTURA INFORTUNI: cos’è e perché stipularla?

Lo sapevi che il caso “Infortuni” del conducente non è MAI compreso con la polizza RCauto minimo di legge?

Purtroppo accade che la vita ci presenta degli eventi imprevedibili che ci sconvolgono la quotidianità, e a volte anche la vita… la sola cosa che si può fare in merito è pensare in anticipo e far sì che tali eventi non ci travolgono del tutto e si trasformino di conseguenza in una tragedia!

Ecco perché la COPERTURA INFORTUNI può fare la differenza: vuol dire trasferire il rischio e le relative conseguenze di questi eventi alla collettività, ovvero sulle spalle dell’assicuratore.

Cosa è un’assicurazione?

L’assicurazione (art. 1882 C.C.) è il contratto col quale l’assicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l’Assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. Pertanto, la copertura a tutela della propria persona permette di proteggere se stessi e/o i propri familiari dalle conseguenze economiche causate da infortuni connessi p.e. dalla guida della nostra auto o derivanti dallo svolgimento di attività sportive amatoriali e della vita privata e/o anche di quelle professionali.

È una tutela dell’individuo pensata per garantire serenità e benessere nelle circostanze in cui occorra un evento in grado di condizionare la vita di chi lo subisce, e di chi gli è accanto.

PERCHE’ stipulare UNA POLIZZA INFORTUNI?

Avere una copertura di questo tipo significa avere un paracadute pronto ad aprirsi in caso di necessità, in caso di spiacevoli imprevisti.

Con infortunio si intende un evento fortuito, violento ed esterno, che ha prodotto lesioni fisiche, un avvenimento incontrollabile, che capita all’improvviso, che può limitare la capacità di compiere anche i gesti più semplici che facciamo ogni giorno – le azioni che diamo per scontato – e “ci scombina i piani”, stravolgendo la nostra quotidianità e a volte, purtroppo, l’intera vita. Può dipendere dal nostro modo di vivere, dal nostro lavoro, dalle nostre attività del tempo libero, da molte cose… L’unica certezza che abbiamo è che non possiamo prevedere nulla di tutto ciò! Possiamo tuttavia costruire una rete di sicurezza che attutisca il colpo quando perdiamo l’equilibrio.

CHI DOVREBBE ASSICURARSI? E COME?!

In base alla nostra vita, possiamo proteggerci in modo diverso scegliendo, tra numerosi prodotti, la soluzione “su misura”. È possibile tutelarsi contro gli infortuni da cui derivino il decesso e l’invalidità permanente, optando di comprendere anche garanzie come la diaria, la gessatura ed il rimborso delle spese sanitarie

La polizza può essere stipulata in forma individuale oppure per tutti i componenti del nucleo familiare nelle seguenti forme di copertura:

  1. 24 ore: copre gli infortuni subiti sia durante le attività professionali che extra professionali, quindi tempo libero (p.e. liberi professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori, benestanti, casalinghe).
  2. Extraprofessionale:  copre gli infortuni subiti durante lo svolgimento delle attività del tempo libero e della vita privata, comprese le attività sportive amatoriali (p.e. lavoratori dipendenti).
  3. Professionale:  copre gli infortuni subiti durante le sole attività professionali (p.e. l’azienda che assicura i suoi dirigenti).
  4. Circolazione: copre gli infortuni che il Contraente subisce in qualità di conducente di ciclomotori; trasportato o conducente di autovetture, motocicli, autocaravans, autocarri fino a 35 q.li, unità da diporto, velocipedi; trasportato su mezzi di trasporto pubblici, terrestri o marittimi, e su autobus in servizio privato; pedone, a seguito di investimento ad opera di veicoli; passeggero su aerei ed elicotteri (la tipica polizza base Infortuni del conducente).

L’Assicurazione Infortuni Globale nella forma H24, Extraprofessionale o Professionale, può essere ulteriormente estesa anche a coperture come:

FAQ di alcune domande che vengono poste:

<<Io sono una casalinga, anche se subisco un infortunio, non perdo giorni di lavoro; basta che si assicuri mio marito, insomma chi porta a casa i soldi.>>
Risposta: <<Si, ma se la mamma si fa male, chi porta a scuola i bambini, alla lezione sportiva, al compleanno dell’amichetto, dal dentista o alla visita?>>
In realtà gli incidenti domestici sono tra i più frequenti, e la persona che cura la famiglia e la casa è una figura importantissima, e se viene a mancare – anche solo per un periodo – le entrate non cambiano (“tanto non lavoro, non ho una stipendio”), ma le uscite aumentano (“devo pagare una baby-sitter, devo trovare una donna per le pulizie”). È tutta una questione di prospettive: siamo tutti importanti in un modo o nell’altro, ed è quindi fondamentale proteggerci.

<<Ma cosa la pago a fare una polizza infortuni che tanto non l’ho mai usata?!>>
Risposta: “<<Beh, direi per fortuna! Significa che non ti è mai accaduto qualcosa di spiacevole; questo non vuol dire che sia una copertura inutile. La realtà è che ogni singolo giorno siamo esposti a continui rischi che possono gravare in modo significativo sulla la nostra situazione economica e, in primis, sulla nostra salute. È dunque essenziale fare qualcosa per noi stessi e per le persone che abbiamo accanto.>>

Riassumendo:

La polizza infortuni è un sostegno per far fronte a spese impreviste come cure mediche, specialistiche e terapie, e un supporto alla propria famiglia qualunque cosa accada, per avere una sicurezza economica e riuscire ad affrontare le conseguenze con serenità.

Con un piccolo importo annuo puoi trasferire a noi questo rischio!
Ci serve sapere sostanzialmente se:
– sei dipendente pubblico/privato o lavoratore autonomo?
– fai qualche sport pericoloso?

Scrivici alla nostra mail agenziapadovaest@agentivittoria.it per avere la tua copertura su misura.